mercoledì 16 settembre 2015

*Santa Liberata*

Questa estate è passata velocissima, ma lascia tantissimi bei ricordi..i migliori sicuramente sono le giornate passate insieme alla mia famiglia e ai miei amici più cari, in cui non sono mancate tante grigliate e tanti aperitivi insieme.. In queste piacevoli serate ci hanno accompagnato i vini Santa Liberata.

Era il 1934 quando il capostipite della famiglia Savini, Domenico "Sor Domè", ancora giovanissimo iniziò la lavorazione delle uve, raccolte nella sua prima vigna. Già in quegli anni il fondatore faceva viaggiare i propri fusti di vino lungo la strada ferrata. Da li in avanti, l'azienda ha conosciuto una grande evoluzione, tanto da vantare ben tre generazioni di viticultori. Sulle orme di Domenico ad operare nell'azienda arrivò Onorato ed oggi l'intera famiglia è impegnata nella viticoltura grazie alla passione che lo stesso Onorato ha saputo trasmettere ai figli Maria Luisa, Domenico, Giorgio e Vito, i quali si occupano della cantina, della cura dei vigneti e della commercializzazione. Le nuove generazioni sulla scorta della passione ereditata dal nonno e dal papà, stanno dando nuovo smalto all'azienda in primis rispettando l'ambiente, con la convinzione che il buon vino si fa in vigna e in cantina si può solo mantenere tale nel migliore dei modi.
L'azienda Santa Liberata basa la sua produzione vinicola di qualità su 58 ettari di vigneti di proprietà, dislocati nei meravigliosi territori di Petritoli, Carassai e Sant'Elpidio a Mare, lungo le vallate dell'Antica Marca Fermana, culla ideale per le tipologie dei vitigni più antichi. La famiglia Savini, da oltre 40 anni, coltiva con perizia e passione uve pregiate dalle quali crea vin come "Saggiolo", "Passerina" e "Castello di campo". Nelle aziende Santa Liberata da oltre 10 anni adottano tecniche rispettose per l'ambiente, coltivando i vigneti con sistemi di lotta integrata a basso impatto ambientale.

Ora andiamo a conoscere alcuni dei loro vini insieme:

- Rosso Piceno d.o.c.:
Vino dal colore rosso rubino con invadenti sfumature violacee, intenso e consistente, con sentori che ricordano l'uva matura e piccoli frutti rossi. Ottenuto dalla fusione di due importanti vitigni, Montepulciano e Sangiovese, raccolti nel loro momento ideale dove esprimono tutta la loro importanza.

- Rosato i.g.t.:
Il rosato Rocca di Montevarmine si ottiene dalla delicata pigiatura delle uve nere Sangiovese e Montepulciano in modo da farle lacrimare e raccoglierne il mosto senza tenerlo a contatto con le bucce, donandogli così la caratteristica colorazione.

- Falerio d.o.c.:
Vino che affonda le sue radici nella storia. Si racconta che già ai tempi dell'antica Roma, in questa zona si coltivassero delle ottime uve; ed il vino così prodotto venisse già esportato nella "città eterna". Vino dall'invitante colore giallo paglierino con riflessi verdolini. La fine e sottile nota aromatica di frutta bianca e gialla, trova la sua giusta conclusione nel tipico vegetale di mandorla amara.

- Pecorino:
Vino brillante paglierino, con sfumature dorate, al naso si apre con intense e fini note di frutta bianca e gialla dove si riconoscono sentori di mela, banana, ananas e glicine.

- Passerina:
Vino dal colore giallo con riflessi verdi, è brillante e di buona consistenza. Arriva al naso con profumi floreali di biancospino, acacia e sambuco, seguiti da sentori di frutta gialla con predominanza di pesca e frutta esotica. All'assaggio è secco, di corpo, ben equilibrato con giusta evidenza della freschezza, di buona intensità e persistenza.

- Il bianco:
Vinificazione: separazione della buccia dalla polpa, pressatura soffice e fermentazione a temperatura controllata 15 C. Del merlot conserva forza e persistenza, della vinificazione in bianco profumi e freschezza.

Carne di maiale con salsa di mele.
Ingredienti: 1 kg di polpa di maiale, 4 mele renette, 4 cipolle bianche, 2 bicchieri di vino bianco Passerina, olio d'oliva, sale e pepe q.b.
- Procedimento: Rosolare la polpa con un filo d'olio d'oliva su entrambi i lati aggiustando di sale e pepe q.b., nel frattempo tagliere le mele a dadini e tritare le cipolle, aggiungere il tutto nella pentola con i 2 bicchieri di vino bianco e cuocere per circa 20-30 minuti a fuoco medio. Lasciare riposare la carne per qualche minuto e frullare il composto di mele e cipolla, tagliare la polpa a fettine non troppo sottili e adagiare sopra la salsa.

Ed ecco svelata una delle mie cene in compagnia, questo piatto piace un sacco a tutti i miei amici, non potevano di certo mancare degli antipastini, tutto rigorosamente fatto da me e mio marito, peperoncini ripieni con capperi e tonno, melanzane sott'olio con aglio e prezzemolo, carciofini sott'olio, e le immancabili olive in salamoia, accompagnati da un buon vino, noi abbiamo scelto: Passerina, ha un gusto molto fresco, fine ed equilibrato.

Sito internet.

34 commenti:

  1. Non conoscevo questi vini: davvero ottimi e di gran classe per una cena speciale

    RispondiElimina
  2. I vini che ci hai proposto devono essere eccellenti, mi piacerebbe provare in particolar modo il rosato, vado a vedere il sito grazie

    RispondiElimina
  3. adoro il vino soprattutto quello bianco che belle ricette e begli abbinamenti brava

    RispondiElimina
  4. Hai realizzato dei piatti ottimi in perfetto abbinamento al vino... da leccarsi i baffi e per la gioia dei tuoi commensali ^_^

    RispondiElimina
  5. questi vini sono nuovi per me, ma devo dire che mi hai molto incuriosita, devo proprio provarli

    RispondiElimina
  6. Un buon vino fa sempre la differenza!!! Ottime ricette :)

    RispondiElimina
  7. devono essere tutti molto ma molto buoni questi vini, da provare assolutamente.

    RispondiElimina
  8. piatti veramente appetitosi, mi hai fatto venire una gran fame...per quanto riguarda i vini i miei preferiti restano sempre e comunque i rosati ;)

    RispondiElimina
  9. molto interessante questa collaborazione direi molto succulenta, mi piacerebbe fare un aperitivo cosi con questi assaggi !

    RispondiElimina
  10. Non ho il piacere di conoscere i vini di Santa Liberata, ma il tuo entusiasmo mi ha conteggiata, andrò a cercarli in giro!

    RispondiElimina
  11. non credo di aver mai bevuto questo vino ma lo consiglierò a mio marito

    RispondiElimina
  12. Ottimi vini, non conoscevo ancora questo marchio, grazie delle info e complimenti per il delizioso piatto che hai preparato!

    RispondiElimina
  13. che ricetta appetitosa e poi hai abbinato un vino che mi incuriosisce moltissimo! non conoscevo quest'azienda vinicola ma ora vado nel sito per vedere dove acquistare.

    RispondiElimina
  14. Degusterò sicuramente i vini Santa Liberata, la tua recensione mi ha molto colpito. Grazie per il post!

    RispondiElimina
  15. scegliere il vino giusto per me è molto importante, completa il menù con gusto, questo marchio ancora non lo conoscevo, mi incuriosisce provarlo

    RispondiElimina
  16. Che meravigliosa selezione di vini, non bevo molto ma ogni tanto un bicchiere di vino a cena se di ottima qualità me lo concedo volentieri.

    RispondiElimina
  17. E' vero anche per me l'estate è passata troppo in fretta, come tutti i periodi belli della vita! mmmm chissà che sapore ha la crema di mele, mai cucinata in questo modo, sono curiosissima di provarla, magari accompagnata dal vino santa liberata, assolutamente sconosciuto per me.

    RispondiElimina
  18. A me piace consumare un buon bicchiere di vino insieme ad un bel pranzetto (o cena) ma anche per l'aperitivo non è male... Soprattutto se è frizzantino! :)
    Questa azienda non la conoscevo, quindi ti ringrazio per avercene parlato... Visiterò con piacere il sito.

    RispondiElimina
  19. Le etichette sono già molto attraenti e riflettono la passione che i produttori infondono nei loro vini. Il Merlot deve essere buonissimo!

    RispondiElimina
  20. anche per me è un nuovo brand sconosciuti fino ad oggi, ma grazie al tuo post proverò sicuramente questi vini!

    RispondiElimina
  21. Non conoscevo questa cantina di vini, credo che ordinerò presto qualcosa perché sembrano ottimi vini, grazie delle info

    RispondiElimina
  22. Ciao non conoscevo quest'azienda ma sarei molto curiosa di provare questi vini, a casa mia non mancano mai sia a pranzo che a cena

    RispondiElimina
  23. E' una cantina che non conoscevo, l'hai resa davvero allettante, soprattutto con quel bel piatto di maiale alle mele!

    RispondiElimina
  24. Non sono un bevitore incallito, però un bicchiere di vino a pranzo piace pure a me. Bisogna provare questi vini, grazie per il post...

    RispondiElimina
  25. Da come li descrivi questi vini deono essere davvero ottimi !!! complimenti anche per la ricetta da copiare sicuramente

    RispondiElimina
  26. ottimo ciò che hai preparato e con abbinato questi vini è davvero buono grazie

    RispondiElimina
  27. Ecco, se c' e' una cosa a cui mio marito tiene moltissimo e' la sua cantinetta di vini.
    Per lui solo vini speciali e di un certo tipo. Questi vini che ci presenti oggi, sono nuovi per me, ma che bella selezione proposta... e che dire del tuo piatto di carne? Davvero ottimo e particolare, mi piace :-)

    RispondiElimina
  28. il vino lo utilizzo spesso nelle mie pietanze, secondo me da quel tocco in più(ovvio è buono anche da bere !)

    RispondiElimina
  29. una mia cara amica abita in quelle zone e certamente conoscerà quest'azienda vinicola. Provero' a chiedere se beve i suoi vini...nel frattempo vado a visitare il sito.

    RispondiElimina
  30. Questi vini devono essere davvero squisiti, mi piacerebbe provarli..adoro il vino

    RispondiElimina
  31. Claudia Carconi8 ottobre 2015 12:55

    La ricetta mi ispira tanto! Vogli provare il rosato!!!

    RispondiElimina
  32. Che buona ricetta quella che hai realizzato, devono essere meravigliosi questi vini mi piacerebbe provarli soprattutto il rosato

    RispondiElimina
  33. hai realizzato una ricetta molto buona

    RispondiElimina
  34. Non conoscevo questi vini, il Falerio d.o.c. devo dire che mi ispira particolarmente... e questa ricettina... il mio stomaco si è messo a brontolare!!! :D

    RispondiElimina