lunedì 21 settembre 2015

*Giovanni Èderle*

Una ricetta speciale, non può non essere accompagnata da un buon vino. In questo post vi presento un azienda agricola, che oltre al vino produce olio extra vergine di oliva e tanti altri prodotti tipici veronesi, tra cui grappa, miele e molto altro ancora...

Giovanni Ederle nasce il 30 gennaio 1987 a Negrar, in Valpolicella. Trascorre la vita sulle colline di San Mattia, a ridosso del centro di Verona, sempre in compagnia della sorella Camilla, con la quale trascorre un’infanzia spensierata e selvatica, tra vigne, olivi e cavalli. Nel suo percorso scolastico Giovanni decide di frequentare la facoltà di scienze e tecnologie viticole ed enologiche all'università degli studi di Verona, senza però conseguire la laurea poiché nel frattempo prendeva forma l’attività agricola ed il tempo da dedicare agli studi scarseggiava. Già a  18 anni decise di avviare questo progetto, ambizioso e in parte incosciente: estirpare il vecchio vigneto, ormai irrecuperabile, mettendo a dimora le nuove barbatelle e assistendole da solo nella crescita  nei successivi due anni. Al 2008 risale la prima piccola vendemmia sperimentale nel garage dell’agriturismo appena ristrutturato.
"Nel vino mi realizzo", spiega oggi Giovanni, "quando guardo una delle mie bottiglie vedo il vecchio vigneto, le giovani barbatelle, le prime uve raccolte, le macchine per la pigiatura, i serbatoi, la pressa, le botti di legno, l’imbottigliamento, l’etichettatura."
Ufficialmente l’azienda è condotta in regime di agricoltura biologica in conversione. I vigneti sono piantati secondo la tecnica francese del Guyot con sesto d’impianto di 5700 ceppi/Ha. Le fasi salienti dell'attività in vigna sono poche e semplici: buona concimazione invernale con il letame dei loro cavalli, potatura nel rispetto dei flussi linfatici, grande selezione dei germogli e cura maniacale della parete fogliare con continue cimature e defogliature di precisione per evitare ristagni di umidità e prevenire scottature da sole. Il vigneto non è irrigato e solo in caso di estati più torride ricorre all'irrigazione di soccorso. La cantina è ancora molto piccola. In pochi anni di attività però è cambiata moltissimo: il primo anno ha vinificato con attrezzatura a noleggio nel garage dell’agriturismo; per tre anni invece ha lavorato in una cantina in affitto a 10 km dai vigneti. Dal 2012 finalmente vinifica in azienda poiché ha convertito parte della casa di famiglia in cantina di emergenza, in attesa di realizzare quella definitiva completamente interrata sotto al vigneto.

- San Mattia rosso:
È ottenuto con l’uvaggio tipico del Valpolicella: corvina, corvinone e rondinella. Si presenta di un bel rosso rubino, illuminato da qualche riflesso violaceo. Al naso presenta un iniziale sentore vegetale, dovuto alla sua giovinezza, che poi si mitiga, lasciando spazio agli aromi varietali tipici di questo uvaggio. Il sentore di marasca croccante caratterizza l’olfatto, assieme a note di ribes rosso e lampone. Anche i profumi floreali sono freschi, con rosa e violetta appena sbocciate, una vena balsamica ed una piacevole nota speziata di pepe rosa. Al palato è fresco, con un tannino abbastanza aggressivo, ma non invadente, ed una discreta persistenza.

- San Mattia bianco:
È un vino bianco fermo, ottenuto da uve garganega e chardonnay che gli donano un colore giallo paglierino intenso, con dei lucenti riflessi dorati. All'olfatto i sentori fruttati di mela golden e pera williams si presentano insieme ad un ricordo di albicocca e pesca gialla e ad un aroma minerale che rivela il territorio calcareo in cui crescono le uve. L’ingresso in bocca è morbido, ma ben bilanciato da una freschezza decisa e da una buona mineralità.

- San Mattia cuvèe:
È uno spumante ottenuto con il metodo Martinotti da uve garganega e chardonnay. La macerazione del mosto sulle bucce per alcune ore dona a questo vino un colore giallo paglierino intenso, movimentato da un allegro perlage. Il profumo di frutta a polpa bianca, fiori di ginestra, gelsomino e sambuco caratterizza l’olfatto di questo vino, reso ancora più piacevole da un sentore di mentuccia e da un ricordo di pietra bianca calcarea, tipica del territorio. In bocca è fresco e piacevole, con una bollicina che accarezza il palato senza aggredirlo e che riporta alla luce i sentori floreali e fruttati avvertiti al naso. Chiude con un piacevole sentore minerale.

Straccetti di cavallo con friggitelli.
Ingredienti: 500 gr di fettine di cavallo, 400 gr. di friggitelli, aglio, prezzemolo e pomodori secchi q.b.
- Procedimento: In una padella con un filo d'olio rosolare i friggitelli e aggiustare di sale q.b., nel mentre che cuociono, prendere un'altra padella e far rosolare l'aglio il prezzemolo e i pomodori secchi tritati, dopodichè aggiungere le fettine di cavallo tagliate a straccetti, anche qui aggiustare di sale e pepe. Impiattare e servire con un bel bicchiere di San Mattia bianco.

Ed ecco la mia ricetta per accompagnare questo ottimo vino bianco, il suo profumo fruttato ha invaso la nostra tavola, è un vino leggero ma molto fresco. Si abbina molto bene con i primi piatti a base di pesce o verdure, ma anche con le carni bianche. Ma non è finita qui, potete degustare i loro prodotti nel suo bellissimo agriturismo, imparare come si fa un orto e come si allevano gli animali da cortile, conoscere il territorio, scoprire Verona e i suoi bei dintorni, avventurarsi in percorsi gastronomici tutti da assaporare. I menù dell’agriturismo San Mattia vengono proposti in base a cosa c'è di disponibile in campagna nel periodo. Verdure, frutta, uova e carni di animali da cortile sono il frutto del loro lavoro, così come il vino, l’olio e le confetture. La materia prima è ciò su cui sono più concentrati e costituisce il loro orgoglio nel pieno rispetto della campagna, dei suoi prodotti e delle stagioni, in un’ottica di ecosostenibilità e autosostentamento. Qui sotto vi lascio tutti i contatti, compreso il sito dell'agriturismo dove potete trovare tutte le informazioni che vi interessano.

Sito internet.
Sito agriturismo.
Pagina facebook.

36 commenti:

  1. Grazie per l'articolo faccio un salto sul sito per dare un occhiata,questi vini mi incuriosiscono molto !!!

    RispondiElimina
  2. io sono sempre attenta ai vini da abbinare ad ogni piatto e scelgo sempre quelli di qualità, ho trovato sempre i tuoi consigli perfetti anche per me, non mi resta che provare questi vini

    RispondiElimina
  3. un progetto di vita che ha portato ottimi frutti... bello davvero e complimenti a qst'azienda

    RispondiElimina
  4. adoro il vino soprattutto bianco complimenti per la ricetta sembra buonissima

    RispondiElimina
  5. si potrebbe andare all'agriturismo... lo propongo in famiglia, non è neanche troppo distante da me. grazie per l'informazione, adoro questi posti così a contatto con la natura

    RispondiElimina
  6. Deliziosi questi spumanti che presenti, non conoscevo ancora il Brand, grazie di averli presentati vado a visitare il sito per saperne di più. Sono adatti anche per un bel regalo per le prossime Feste.

    RispondiElimina
  7. Sembrano dei vini molto raffinati e di alta qualità...complimenti per la scelta

    RispondiElimina
  8. la tua ricetta mi ha fatto venire voglia di venirti a trovare. Non conoscevo il san Mattia. Però spero di assaggiarlo presto :)

    RispondiElimina
  9. Adoro cucinare e senza dubbio abbinare un buon vino al piatto lo rende migliore e completo

    RispondiElimina
  10. Ottimo consiglio , a me piace molto il vino bianco. Andró a vedere il sito visto che non lo conoscevo , da come lo descrivi sembra anche molto buono e invitante.

    RispondiElimina
  11. Complimenti hai spiegato benissimo le differenze tra i vini, mi è piaciuta anche la ricetta

    RispondiElimina
  12. Devo assaggiare assolutamente questo vino. A casa mia lo adoriamo durante i pasti. Grazie mille

    RispondiElimina
  13. io a casa e fuori per cena soltanto vino bianco, sembra ottimo.....anche io lo utilizzo spesso per le mie ricette sopratutto nella preparazione dei risotti ^_^

    RispondiElimina
  14. Non conoscevo questi vini, da Ome ne parli viene proprio voglia di provarli...io a tavola e nelle mie pietanze uso sempre il vino e questi devo proprio provarli

    RispondiElimina
  15. Io sono intollerante si friggitelli ma sinceramente quella volta che lo mangio faccio lo strappo alla regola perché non resisto al loro sapore. Non conoscevo l'azienda agricola Giovanni ederle e sinceramente questo SAn MAttia mi ispira tantissimo. Ho voglia di provarlo.

    RispondiElimina
  16. Questi vini devono essere di qualità leggendo la presentazione dell'azienda. Complimenti per la ricetta, dovrò provarla anch'io.

    RispondiElimina
  17. Complimenti per la recensione.... Mi ha incuriosito davvero tanto e, mi è venuta la voglia di gustare questi magnifici prodotti

    RispondiElimina
  18. secondo me un buon vino esalta la ricetta più semplice! Questi vini in particolare sembrano davvero ottimi quasi quasi ne prendo un paio di bottiglie per mio padre che è un vero intenditore! grazie ;)

    RispondiElimina
  19. amo il vino sopratutto il vino bianco mi piace anche l abbinamento della ricetta

    RispondiElimina
  20. Devo dire che non conoscevo il brand! Grazie per la review davvero molto dettagliata!
    non ho mai provato la carne di cavallo!!! Che gusto ha? I friggitelli li adoro e spesso li cucino anche io! =) Questo vino mi incuriosisce molto!

    RispondiElimina
  21. ottima ricetta, la trovo molto adatta a questa stagione e il vino che hai scelto direi che è perfetto!

    RispondiElimina
  22. Mio marito e' un vero estimatore del buon vino, ha una sua personale cantinetta di cui e' gelosissimo. Per me e' sempre un piacere sorprenderlo con un buon vino, per questo mi piace scoprire nuove aziende che offrono vini di qualita'... Hai preparato un piatto da leccarsi i baffi :-)

    RispondiElimina
  23. Adoro bere del buon vino a tavola!
    Questi di cui ci hai parlato nel tuo post non li ho mai provati ma mi incuriosiscono davvero molto!Sono da provare assolutamente! grazie per la review e per la fantastica ricetta!

    RispondiElimina
  24. Complimenti per la recensione !Non conosco questa azienda ma la tua recensione mi ha fatto troppo curiosa .Vado nel lo site a cercare qualcosa per mio marito .Grazie !

    RispondiElimina
  25. il vino bianco è la mia passione, lo gradisco molto più dei rossi....l'abbinamento poi è veramente ben fatto...brava

    RispondiElimina
  26. Non ho mai mangiato il cavallo sai? Dicono che sia molto buono, soprattutto se abbinato ad un buon vino...grazie per la ricetta, proverò!

    RispondiElimina
  27. che abbinamento eccellente,questi vini sembrano ottimi ,e poi abbinati ad un piatto corposo e dal gusto deciso è il top

    RispondiElimina
  28. Devono essere dei vini di buona qualità! Mi piace la ricetta e la sono segnata ma farò edere ai miei suoceri questi vini, loro hanno una cantina ben fornita per quando vengono gli amici a cena! Ottimo consiglio,grazie!

    RispondiElimina
  29. Non lo conoscevo il brand, sono un'amante dei buon vini :) e questi sembrano davvero ottimi! Grazie di averceli presentati :)

    RispondiElimina
  30. E' molto bella la storia di questa piccola azienda vinicola che si espande un pochino alla volta e che piano piano ha iniziato a produrre degli ottimi vini. La consiglierò a dei miei amici che vanno matti per questo genere di cose!

    RispondiElimina
  31. Claudia Carconi19 ottobre 2015 12:53

    Un buon vino fa sempre la differenza, soprattutto in cucina :) mi ispirano gli stracetti con i frigittelli :D

    RispondiElimina
  32. Grazie per la recensione , andrò a vedere sul loro sito visto che mi piace molto il vino bianco.

    RispondiElimina
  33. Non sono una grande intenditrice di vino però mi piace l'idea che si possa andare a visitare l'agriturismo e toccare più da vicino questa realtà. Verona e dintorni sono bellissime, ci voglio fare un pensierino!

    RispondiElimina
  34. Io adoro il vino e la penso proprio come te..... un buon vino sulla tavola sempre....

    RispondiElimina
  35. ricettina sfiziosa me la segno.. mi piacerebbe anche assaporate questi vini mi sembrano ottimi

    RispondiElimina
  36. Adoro il vino e questo non l'ho mai provato, mi piacerebbe farci un pensierino

    RispondiElimina